“Lei è nostalgica di un mondo che non esiste più”, dice Massimo D’Alema. “I nostri sono grandi Stati che hanno interessi diversi“, risponde Marine Le Pen. E se per il presidente degli Italiani Europei “l’unico responsabile della crisi è il capitalismo finanziario selvaggio“, per la leader francese del Front National “è tutta colpa dell’euro. Una parentesi drammatica che ora è tempo di chiudere”. Questo uno dei tanti scontri avvenuto ieri sera a diMartedì, il programma di Giovanni Floris, in onda su La7. Tra euro, Europa e i nuovi movimenti che si stanno facendo largo nel Vecchio Continente, le scintelle non sono mancate con la Le Pen che ha spiegato: “Mi sento vicina a coloro che difendono il governo del popolo, da popolo e per il popolo e non i governi per le grandi istituzioni finanziarie. Chiara l’accusa a D’Alema: “Lei è un comunista obsoleto, ha una visione obsoleta della destra e della sinistra”. Pronta la replica dell’ex premier: “Se vogliamo un posto alla tavola dove si decide solo un’Europa unita può averlo, il ritorno ai nazionalismi è ridicolo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, il jihadista proveniente dalla Siria a La7: “Arriveremo a Roma, lo ha detto il profeta”

next
Articolo Successivo

Menichini vs d’Esposito: ‘Nessun favore a B. nel Patto’. ‘Da direttore di giornale da 800 copie a portavoce di Renzi’

next