In appello la condanna era stata ridotta. Per Igor Marini, il consulente finanziario che nel 2003, nell’ambito della vicenda Telekom-Serbia, accusò decine di persone, tra cui diversi esponenti politici del centrosinistra, di aver ricevuto tangenti, è arrivato anche il verdetto finale. I giudici della Cassazione hanno confermato la pena a 7 anni e mezzo. In primo grado l’imputato fu condannato a 10 anni.

La II sezione penale, presieduta da Antonio Esposito (il giudice che condannò Silvio Berlusconi per il caso Mediaset), ha respinto il ricorso dell’ex consulente finanziario, accusato di ricettazione, falso e calunnia, che a inizio anni duemila causò un terremoto politico, tirando in ballo Romano Prodi e numerosi dirigenti del centrosinistra, colpevoli – a suo dire – di aver intascato tangenti milionarie per l’acquisto da parte della Telecom (all’epoca a maggioranza pubblica) di una quota della compagnia telefonica serba ad un prezzo maggiorato. Oltre a Igor Marini, la Cassazione ha condannato l’ex manager Maurizio De Simone a 4 anni e mezzo per la sola accusa di calunnia.

La vicenda inizia nel 2003, quando l’ex “teste” Marini davanti alla commissione parlamentare d’inchiesta sul caso Telekom, istituita sotto il governo Berlusconi, e davanti ai magistrati della procura di Torino accusò diversi politici, in particolare Romano Prodi, allora presidente della Commissione Europea, e all’epoca dei fatti falsamente contestati presidente del Consiglio, Walter Veltroni, Francesco Rutelli, Clemente Mastella, Lamberto Dini e sua moglie di aver intascato bustarelle per una somma complessiva pari al 40% del prezzo d’acquisto, 873 milioni di dollari, per propiziare l’affare concluso nel ’97.

Ben 52 episodi di calunnia tra il maggio e il settembre del 2003 sono riassunti nel capo di imputazione. Marini cita Prodi, Fassino e Dini (ribattezzati “Mortadella”, “Cicogna” e “Ranocchio”) quali destinatari di due ordini di pagamento da 125 mila euro. E anche i cardinali Camillo Ruini e Carlo Maria Martini. Il difensore di Marini, Giovanni Tripodi, aveva chiesto la concessione delle attenuanti generiche, sottolineando anche il ruolo che i media avevano abuto svolto nell’amplificare la vicenda, rafforzando il “proposito criminoso maturato dall’istrionica personalità di Marini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage Viareggio, rischia di cadere in prescrizione il reato di incendio colposo

prev
Articolo Successivo

Crac Parmalat, chiesti 9 anni per Geronzi e Cragnotti per la cessione di Eurolat

next