Le donne potranno votare, ma non volare accanto agli uomini. Succede in Arabia Saudita, dove le donne potranno recarsi alle urne e candidarsi alle elezioni municipali. Ma la Saudia Airlines, la compagnia di bandiera del Paese, vuole ora separare gli uomini dalle donne a bordo dei voli nazionali. A riferirlo è il sito di news Emirates 247. La decisione del vettore dopo le numerose lamentele da parte di alcuni passeggeri contrari al fatto che gli uomini possano sedere accanto alle loro mogli o altre donne della loro famiglia. “Stiamo studiano alcune soluzioni a questo problema – ha detto Abdul Rahman Al Fahd, responsabile del marketing della compagnia al quotidiano saudita Ajel – presto adotteremo delle regole che potranno soddisfare i nostri passeggeri”. La stessa fonte non ha precisato quali regole verranno adottate, ma il giornale Ajel annuncia che la compagnia sarebbe intenzionata ad adottare una separazione di genere nei voli interni, a meno che i passeggeri non siano fra loro parenti stretti.

Le politiche di viaggio di Saudia sono già in linea con la rigida applicazione della sharia vigente nel Regno e prevedono, ad esempio, la recitazione di una preghiera o di un versetto del Corano prima di intraprendere un volo. Inoltre sui velivoli non vengono mai offerte bevande alcoliche o pasti contenenti carne di maiale. Sui voli internazionali, poi, non vengono mai trasmessi film con contenuti per adulti.

Nel frattempo la svolta in politica, per la quale le donne finalmente faranno parte dell’elettorato attivo e passivo. Circostanza che ha una valenza più simbolica che reale, dato che le municipali, pur essendo le uniche elezioni previste nel sistema saudita, non incidono sul governo del paese. I nuovi consigli, come riporta la legge, saranno composti da non più di 30 membri, due terzi dei quali eletti, mentre i restanti saranno nominati dal ministero degli Affari municipali e rurali. I consigli avranno l’unico potere di attuare i programmi del municipio precedentemente approvati dal governo. Le donne che sceglieranno di candidarsi non saranno costrette a mostrare il volto in pubblico, pratica tabù nella società saudita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Violenza sulle donne: ‘Dalle uno schiaffo’, il modo (sbagliato) di dare lezioni ai bambini

prev
Articolo Successivo

Donne ma non madri: ‘Lunàdigas’, il web doc sulla scelta di non avere figli

next