Gli stipendi degli italiani nel 2014 segneranno la crescita più bassa degli ultimi trentatré anni. L’Istat ha rivelato che i salari nella Penisola si sono incrementati, a novembre, solo dell’1,1 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Se a dicembre non si registrerà un aumento significativo, il 2014 si chiuderà con una crescita media dell’1,3%, come mai era accaduto almeno dal 1982, da quando sono partite le serie storiche dell’Istituto di statistica. Il potere d’acquisto, tuttavia, resta invariato, grazie al confronto con i prezzi, che sono rimasti fermi. Dal rapporto Istat emerge un recupero dell’1,4% della capacità di spesa dei lavoratori del settore privato nell’ultimo anno. I settori che a novembre presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: telecomunicazioni (3,5%), agricoltura (3,1%), gomma, plastica e lavorazione minerali non metalliferi (3%). Variazioni nulle invece nel settore del commercio e in tutti i comparti della pubblica amministrazione. Con questi ultimi che sono stati colpiti dal blocco della contrattazione. Neanche il 2015 parte sotto i migliori auspici per i dipendenti pubblici, viste le previsioni di proroga dello stop, che è già costato 5,4 punti percentuali. Ma non ci sono solo gli statali, in attesa di rinnovo restano 7,2 milioni di persone, oltre la metà del personale sotto contratto collettivo (il 55,6%). Basti pensare che l’attesa media per l’aggiornamento del contratto è ormai arrivata a tre anni e tre mesi, che diventano 20,8 mesi per il settore privato, dove il numero dei dipendenti in attesa si attesta sul 42,7 per cento.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, S&P: “Kiev è praticamente in default, rating CCC-“

next
Articolo Successivo

Stabilità, Padoan: “Manovra equilibrata: sostiene crescita e occupazione”

next