Dopo sedici ore si è concluso con un blitz delle forze dell’ordine il sequestro di ostaggi in  una cioccolateria di Sydney, a Martin place cuore finanziario della città australiana. Due le persone rimaste uccise nell’operazione per liberare le persone tenute prigioniere nel caffè Lindt: uno dei due sarebbe il sequestratore. Quattro i feriti, tre in condizioni definite critiche. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giornalisti arrestati in Turchia, Erdogan attacca: “L’Ue si faccia gli affari suoi”

prev
Articolo Successivo

Sydney, su Twitter vola #illridewithyou: “Difendiamo i musulmani aggrediti”

next