Tu c’hai idea quanto ce guadagno sugli immigrati?”, dice Salvatore Buzzi (il presidente della Cooperativa 29 giugno, finito ieri in carcere perché in affari con la banda di Massimo Carminati) al telefono in un’intercettazione dei Ros. “Non c’ho idea”, risponde l’interlocutrice. “Il traffico di droga rende di meno“, spiega lui. L’affare dei centri di accoglienza per rifugiati e immigrati è, secondo la Procura di Roma, garantito dall’ex vicecapo di gabinetto all’epoca dell’amministrazione Veltroni, Luca Odevaine, descritto nell’ordinanza come “un signore che attraversa, in senso verticale e orizzontale, tutte le amministrazioni pubbliche più significative nel settore dell’emergenza immigrati”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia Capitale: la malavita di larghe intese

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, il “libro nero” delle tangenti di Buzzi: “A Odevaine 5mila e all’assessore 10mila”

next