Tu c’hai idea quanto ce guadagno sugli immigrati?”, dice Salvatore Buzzi (il presidente della Cooperativa 29 giugno, finito ieri in carcere perché in affari con la banda di Massimo Carminati) al telefono in un’intercettazione dei Ros. “Non c’ho idea”, risponde l’interlocutrice. “Il traffico di droga rende di meno“, spiega lui. L’affare dei centri di accoglienza per rifugiati e immigrati è, secondo la Procura di Roma, garantito dall’ex vicecapo di gabinetto all’epoca dell’amministrazione Veltroni, Luca Odevaine, descritto nell’ordinanza come “un signore che attraversa, in senso verticale e orizzontale, tutte le amministrazioni pubbliche più significative nel settore dell’emergenza immigrati”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia Capitale: la malavita di larghe intese

prev
Articolo Successivo

Mafia Capitale, il “libro nero” delle tangenti di Buzzi: “A Odevaine 5mila e all’assessore 10mila”

next