Sicurezza, mafia, riforma della prescrizione e della giustizia. Sono i temi toccati dal presidente del Senato Piero Grasso nel suo suo intervento al ventesimo vertice antimafia della Fondazione Caponnetto, a Bagno a Ripoli, in provincia di Firenze. “Oggi la mafia, con imprenditori e professionisti, colloquia con le istituzioni e crea un connubio con il potere finanziario e politico”, ha spiegato Grasso. La mafia, ha aggiunto, “non fa affari solo nelle terra di ordine, ma anche al centro, al nord e all’estero. Ma le teste restano al sud. Quando si avviano inchieste al nord Italia o all’estero si deve sempre cercare i collegare con le regioni di origine”. Cosa fanno le istituzioni per contrastare il fenomeno? “Ho accolto con favore il disegno di legge del governo contro la criminalità organizzata e i patrimoni illeciti – ha spiegato l’ex procuratore nazionale antimafia – anche se non posso ahimè entrare nel merito delle soluzioni”, vista la carica che ricopro. Il problema, tuttavia, resta: “Ormai da mesi sulle riforme penali c’è una difficoltà politica a giungere a soluzioni equilibrate e condivise”.

La necessità di una approfondita riforma in grado di far ripartire la giustizia è stata al centro degli annunci degli ultimi governi. Ma, per l’appunto, sono rimasti annunci: “Io aspetto almeno da 20 anni la riforma della giustizia – ha spiegato ancora il presidente del Senato – soprattutto perché sia più celere, nel rispetto delle garanzie della difesa, ma che cerchi di superare questa lentezza, perché una giustizia che ritarda è una non giustizia”. Un esempio: “Di modifica della prescrizione se ne parla da almeno vent’anni. Ora è successo un fatto che ha scosso le coscienze e oggi sono tutti d’accordo. Io vorrei che domani tutti fossero insieme a risolvere il problema”. Il riferimento è alla prescrizione dei reati nel processo Eternit: “Con l’emozione del momento gridiamo tutti di fare la modifica della prescrizione al più presto – ha aggiunto Grasso – io da tempo ho indicato quale potrebbe essere il nuovo modo di vedere la prescrizione e speriamo che, visto che tutti si dichiarano d’accordo, possa andare avanti”.

Un passaggio del suo discorso Grasso lo dedica all’aumento della conflittualità sociale registrata nelle ultime settimane: “L’Italia è vulnerabile e insicura, le occupazioni delle piazze e delle periferie segnalano un malessere; questo impone un quadro politico stabile per attuare le riforme urgenti per far ripartire il Paese”. Grasso ha elencato “la riforma del lavoro, della giustizia civile e penale, della legge elettorale. Mi auguro – ha aggiunto – che non ritorni, su questi temi vitali, il clima di chiusura reciproca e che non si ripetano i gravi comportamenti che si sono verificati durante la riforma costituzionale, lo Sblocca Italia e il Jobs Act. Che si riesca ad improntare il confronto democratico al drammatico senso di urgenza e di responsabilità di cui ha vitale bisogno il Paese – ha concluso Grasso – e che la gente ci chiede a gran voce. Vi assicuro che io considero questo il mio più importante impegno”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs act, Fassina: “L’obiettivo vero di Renzi è la libertà di licenziamento”

next
Articolo Successivo

M5s, Di Battista a Montecitorio: “Basta con queste merde, non mi ricandido”

next