Travolti tutti i risarcimenti ai familiari delle vittime dell’amianto“. Così il legale di parte civile Sergio Bonetto spiega la sentenza con cui la corte di Cassazione ha annullato senza rinvio per avvenuta prescrizione la condanna a 18 anni del magnate svizzero Stephan Schmidheiny. Di fatto, la sentenza cancella tutti i risarcimenti che erano stati stabiliti sia in primo sia in secondo grado di giudizio a Torino. “La tesi del pg – spiega ancora il difensore di circa 400 parti lese – viene accolta totalmente, perché si definisce la prescrizione, che per il reato di disastro ambientale è di 12 anni, in un arco temporale che va dal 1986 (anno del fallimento della Eternit) al 1998″. Bonetto poi, sottolinea con un filo di ottimismo, che “ci sono altri processi in corso e la Cassazione ha in sostanza detto che il maxi processo doveva svolgersi con l’accusa di omicidio, e dunque tenderei a non escludere che il procedimento aperto con questa imputazione possa avere un esito migliore”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Commissione Grandi Rischi, quando la scienza trema /3

next
Articolo Successivo

Piemonte: il contadino filosofo e il valore della montagna

next