La spesa per gli ammortizzatori sociali in Italia è arrivata nel 2013 alla cifra record di 23,6 miliardi di euro, triplicando quella del 2007 che ammontava a 7,9 miliardi. Lo rivela un paper del centro studi ImpresaLavoro. Nel solo triennio 2011-2013 la spesa dello Stato è arrivata a 38,1 miliardi di euro. Ma è tutto il sistema che non funziona. Come già rilevato nel 2010 dal ministero delle Finanze, il sistema della spesa sociale, oltre essere pesante per le casse dello Stato, è poco universale, iniquo per quanto riguarda l’organizzazione dei finanziamenti e inadeguato a fronteggiare il mutato contesto economico e produttivo. Da quanto si legge nel rapporto che disegna un quadro impietoso del Paese, il sistema viene finanziato in misura sempre più ampia dalla collettività nel suo complesso, mentre le categorie di imprese e lavoratori che ne beneficiano rappresentano solo un insieme circoscritto di soggetti.

Inoltre non vi è una diretta corrispondenza tra i flussi di entrata e quelli in uscita, nemmeno a livello di misure singole. Ad esempio, le contribuzioni a carico delle imprese per la cassa Integrazione Guadagni Ordinaria, che tutela i lavoratori cui è stato temporaneamente sospeso o ridotto lo stipendio, coprono regolarmente anche le uscite (a favore dei lavoratori) per l’indennità di mobilità, a sostegno dei dipendenti che hanno perso il posto a causa di crisi o riorganizzazioni aziendali. In sostanza, la prima voce di contributo a carico delle imprese copre anche le spese per la seconda.

Tutto ciò fa sì che, sempre secondo lo studio, il sistema degli ammortizzatori sociali risulti eccessivamente oneroso per le imprese, che si fanno carico di circa 9 miliardi della spesa complessiva annuale, contribuendo diversamente a seconda del tipo di intervento cui è riservata la copertura. Di questi 9 miliardi, poco meno di 4 sono destinati alla copertura della Cassa Integrazione Guadagni, 600 milioni vanno invece alla copertura per l’indennità di mobilità, mentre la restante parte viene impiegata per l’ASPI, la nuova indennità di disoccupazione.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monte dei Paschi, verifiche fiscali con contestazioni da 300 milioni

next
Articolo Successivo

Derivati Mps, la banca chiede risarcimento da 1,5 miliardi a Nomura

next