Facebook ha lanciato in queste ore Facebook.com/thanks, un tool per dire grazie ad un amico con un video. ‘Say Thanks‘ permetterà agli utenti di creare cartoline-video personalizzate per i propri amici sul social network. “Milioni di persone usano Facebook ogni giorno per connettersi con le persone e le passioni che contano di più per loro”; “gli amici sono al centro della nostra esperienza di Facebook, e siamo sempre alla ricerca di nuovi modi per aiutare a celebrare queste amicizie”, dicono Cameron Ewing (designer) e Nick Kwiatek (responsabile tecnico) sul blog ufficiale del social network.

Gli utenti possono creare i video personalizzati e condividerli con i loro amici, parenti e colleghi di lavoro presenti su Facebook, in maniera semplice e veloce. L’iniziativa sarà implementato a livello globale oggi sia su desktop e mobile in inglese, tedesco, indonesiano, italiano, portoghese, spagnolo e turco. Vediamo come funziona, intanto possiamo selezionare uno dei dei due temi, uno per i ‘vecchi amici’ e un altro per ‘i semplici amici’, in automatico verranno scelte le foto e gli status che rappresentano l’amicizia. Il video sarà condiviso sulla timeline dell’utente in pochi passaggi. Il tool è quasi del tutto automatico, per comporre il video verranno scelte le fotografie che contengono i tag comuni a destinatario e mittente, ma sarà possibile comunque personalizzarlo.

Nel febbraio di quest’anno, Facebook aveva lanciato un’iniziativa simile ‘Look back‘ per celebrare il suo decimo anniversario. Ha offerto a tutti la possibilità di comporre un video-riassunto della propria vita digitale su Facebook, e ben 200 milioni di utenti l’hanno realizzato. Facebook si conferma il social network più grande al mondo con i suoi oltre 1,3 miliardi di utenti a livello globale e circa 25 milioni in Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

YouTube a pagamento: con Music Key canzoni in video o audio senza pubblicità

prev
Articolo Successivo

Facebook e lavoro, nuove funzioni social sull’esempio di LinkedIn

next