Italia-Croazia segna il ritorno in azzurro di Mario Balotelli. Per l’attaccante del Liverpool, assente dal giro della Nazionale dalla débacle del Mondiale, sarà l’esordio nella nuova selezione guidata da Antonio Conte. Un ritorno che tiene conto dell’apparente cambio di atteggiamento del bomber ex Milan, che in Premier League sta dimostrando di aver ritrovato la serenità persa durante gli anni in rossonero nonostante il mediocre rendimento sul campo e le critiche dei tabloid inglesi.

Una pausa, quella dalla maglia azzurra, necessaria per Supermario, dopo le apparizioni negative all’ultima Coppa del Mondo e le polemiche che lo hanno investito dopo il ritorno in Italia. Con lui, in azzurro tornerà anche Alessio Cerci, lasciato ai margini della Nazionale dopo il suo trasferimento dal Torino all’Atletico Madrid, ed esordiranno anche Emiliano Moretti, difensore del Torino, e i centrocampisti di Genoa e Sampdoria, Andrea Bertolacci e Roberto Soriano.

Balotelli è quindi chiamato a rispondere all’esame del nuovo ct azzurro che, più delle capacità tecniche dell’attaccante, ha bisogno di capire se può fare affidamento sulla ‘testa’ del talento bresciano in vista dei prossimi campionati europei del 2016, in Francia. Un doppio ritorno per Balotelli che, oltre a vestire nuovamente la casacca azzurra, calpesterà nuovamente il prato di San Siro, stadio che gli ha regalato l’esordio in Serie A, a soli 16 anni, tante partite di Champions League nell’Inter di Mourinho, ma anche delusioni nelle ultime stagioni milaniste.

Antonio Conte pretende dai suoi giocatori abnegazione e totale fedeltà allo stile di calcio che ha intenzione di proporre, caratteristiche che poco rispecchiavano, almeno fino all’ultima esperienza mondiale, il profilo dell’ex enfant prodige del calcio italiano. Balotelli è all’esame di maturità: a 24 anni compiuti deve dimostrare all’ex allenatore juventino se ha sviluppato il carisma, la personalità e l’intelligenza calcistica per poter diventare una delle colonne portanti della Nazionale del presente e del futuro.

I 26 azzurri si raduneranno domani a mezzogiorno presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano e nel pomeriggio sosterranno il primo allenamento. Sono previste doppie sedute di allenamento giornaliere fino a venerdì 14, con la squadra che sabato pomeriggio partirà alla volta di Milano. In settimana saranno diramate le convocazioni per l’amichevole con l’Albania in programma martedì 18 novembre a Genova. Questo l’elenco completo dei convocati. Portieri: Buffon (Juventus), Perin (Genoa), Sirigu (Paris Saint Germain). Difensori: Chiellini (Juventus), Moretti (Torino), Ogbonna (Juventus), Ranocchia (Inter), Rugani (Empoli). Centrocampisti: Bertolacci (Genoa), Bonaventura (Milan), Candreva (Lazio), Cerci (Atletico Madrid), Darmian (Torino), De Rossi (Roma), De Sciglio (Milan), El Shaarawy (Milan), Marchisio (Juventus), Parolo (Lazio), Pasqual (Fiorentina), Soriano (Sampdoria), Verratti (Paris Saint Germain). Attaccanti: Balotelli (Liverpool), Giovinco (Juventus), Immobile (Borussia Dortmund), Pellé (Southampton), Zaza (Sassuolo).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Euro 2016, dal governo francese regalo alla Uefa: zero tasse da versare allo Stato

prev
Articolo Successivo

Ebola, Marocco rinuncia ad ospitare la Coppa d’Africa. “Rischio diffusione virus”

next