Giampietro Belotti, studente bergamasco di 29 anni, è tornato in piazza per difendere i diritti della comunità Glbt. Ancora una volta vestito da nazista dell’Illinois, un omaggio al film Blues Brothers, che un mese fa gli era costata un pomeriggio in questura. ”Tanti ragazzi mi considerano un eroe, ma non è così – spiega Belotti, in testa al corteo che ha percorso le vie di Bergamo, in contrapposizione alla manifestazione delle ‘sentinelle in piedi’ – Gli eroi della giornata sono tutti coloro che sono venuti qui”  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genitorialità sociale: troppi bambini in comunità, troppo poche le famiglie affidatarie

next
Articolo Successivo

Bergamo, ‘sentinelle in piedi’ vs marcia ‘No omofobia’

next