È l’unico Comune in Italia dove l’acqua è veramente pubblica. Saracena si trova sul Pollino, in provincia di Cosenza. L’amministrazione comunale gestisce, di fatto, l’intero ciclo dell’acqua evitando di esternalizzare il servizio, o parte di esso, a società realizzate ad hoc dalla Regione Calabria. Dalla captazione all’adduzione, alla distribuzione e alla depurazione: tutto è in mano al Comune, guidato dal sindaco Mario Albino Gagliardi, che così riesce a far pagare di meno i cittadini del piccolo paese sul cosentino. “La Calabria – spiega il primo cittadino – è una terra ricca di acqua e dovremmo avere un servizio efficiente. Ma abbiamo un sistema di gestione che è sbagliato. Pensate che gli altri Comuni devono pagare 1 euro e 20 centesimi al metro cubo l’acqua che noi prendiamo gratis. Ci siamo riappropriati dell’intero ciclo dell’acqua e abbiamo anticipato il risultato del referendum“. Per fare ciò è stata necessaria anche un’azione di forza nei confronti della Regione che aveva affidato alla Smeco la gestione del depuratore. “Era una gestione inefficiente che ci costava 54mila euro l’anno. Nel 2012 abbiamo rotto il lucchetto di ingresso del depuratore e lo abbiamo rimesso in funzione. Oggi ci costa solo 19mila euro l’anno”  di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sblocca Italia, Realacci perché hai votato sì?

prev
Articolo Successivo

Cambiamento climatico, rapporto Onu: “Rischio impatto irreversibile”

next