“In coincidenza con la partenza dell’operazione ‘Triton‘ si conclude ‘Mare Nostrum’ con cui l’Italia ha fatto il proprio dovere”. Così il ministro dell’Interno Angelino Alfano in conferenza stampa, insieme al responsabile della Difesa Roberta Pinotti, alla vigilia dell’operazione Triton che, assicura Alfano, non peserà sulle casse del governo. “Per Mare Nostrum – spiega – l’Italia ha speso 114 milioni di euro, Triton costerà 3 milioni di euro al mese, totalmente a carico dell’agenzia Frontex finanziata da fondi europei. Questo non significa che aumenteranno le morti in mare, il numero dei morti non è proporzionale ai soldi spesi”. Triton presidierà, a differenza di Mare Nostrum che aveva un raggio di azione molto più ampio, solo la frontiera europea quindi fino a 30 miglia dalle coste italiane. “Saranno quindi i paesi del Nord Africa che si occuperanno delle operazioni di ‘ricerca e soccorso’. L’Europa ha scelto di essere presente sulla frontiera mediterranea, ora è necessario che nei paesi africani ci siano campi profughi e accoglienza delle richieste di asilo”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cucchi, legale: ‘Fallimento giustizia’. Sap: ‘Chi disprezza salute paga conseguenze’

prev
Articolo Successivo

Napoli-Roma, madre Esposito: ‘Ucciso da terrorista, non un tifoso. Ora distensione’

next