Via libera della Camera al decreto legge Sblocca Italia, con 278 voti favorevoli, 161 voti contrari e 7 astenuti. Il provvedimento passa ora al Senato per la seconda lettura. Poco prima della votazione finale a Montecitorio la seduta è stata sospesa per alcuni minuti perché dalla tribuna è stato srotolato uno striscione con su scritto “no trivellazioni”. I deputati del M5s, che definiscono inaccettabile il testo che contiene misure per lo sblocco di opere pubbliche e cantieri, si sono alzati per applaudire e hanno poi esposto cartelli con una croce. Il presidente di turno, Roberto Giachetti, li ha subito fatti rimuovere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

F35, il governo ne ordina altri due. Rete Disarmo: “La Difesa non è trasparente”

next
Articolo Successivo

Pd: vecchia guardia (Pci), nuovo carro (renziano)

next