Un’iperbole ragazzi, e se l’anti-Renzi fosse Papa Francesco? (chiedo perdono al Santo Padre per il confronto).

Oggi ho ascoltato per radio le Sue parole. Eccole, non ne perdete sillaba:
“Nessun lavoratore dev’essere senza diritti.
Nessuna famiglia senza tetto.
Nessun contadino senza terra.
Nessuna persona senza la dignità del lavoro.
Continuate la lotta. Ci fa bene”.

papa guevara interna 640

Il Santo Padre, incontrando le rappresentanze delle organizzazioni internazionali sui temi della globalizzazione e dell’economia (era presente anche l’Italia) si esprimeva così.
Il Papa è “comunista” oppure parla per tutelare i deboli come il cuore gli detta. E ancora: “Perché il presidente del consiglio del più grande e storico partito della sinistra italiana protagonista dell’ennesimo programma televisivo, disarciona sprezzante il sindacato ridicolizzandone quasi l’esistenza? Perché fa figo considerare i lavoratori pesi di cui liberarsi in fretta e allinearsi alle involute regole che ci impone una società ormai ammalata di solo “profitto”.

Se l’anti-Renzi fosse Papa Francesco un pontefice più moderno e profondo del giovane-vecchio ex sindaco, non ci sarebbe partita. Garantito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sindone di Torino: tra storia e pseudoscienza

prev
Articolo Successivo

Oxfam: “Crisi, ricchi raddoppiati. 12% della popolazione consuma 85% di acqua”

next