cieloL’insonnia è il segnale che ci sono questioni personali non risolte. Per alcuni più che per altri e in certi periodi più che in altri può essere difficile abbandonarsi al sonno e rinunciare al controllo diurno. Dormire è una pausa necessaria a recuperare energie: mentre i muscoli sono completamente passivi, l’attività del cervello è la stessa dello stato di veglia, anche se si manifesta in modi diversi, per esempio attraverso i sogni.

Sappiamo tutti che le leggi che regolano i sogni sono molto diverse da quelle dell’attività diurna: i rapporti di causa-effetto, i concetti di spazio, di tempo, di identità sembrano sfuggire a tutte le regole della coerenza. C’è qualcosa però che collega questi due mondi: le emozioni. Esse rappresentano la continuità tra la veglia e il sonno: si manifestano durante il sogno attraverso la messa in scena di immagini stimolate dalla quotidianità, ma con significati in linea con lo stato d’animo più o meno consapevole che si è lasciato.

L’insonnia è un segnale preciso che la psiche trasmette, il segnale di qualcosa in corso: emozioni da elaborare, impegni difficili da affrontare…la rata del mutuo o le bollette da pagare possono essere oggi problemi molto concreti che tengono svegli e che solo la disponibilità economica sembrerebbe poter risolvere, ma a volte andare oltre il problema concreto, considerare lo scenario negativo che preoccupa, relativizzarlo oppure preparare strategie di soluzione potrebbe avere risvolti inaspettati e far recuperare momenti di sonno. A volte il problema non sta nella negatività degli scenari possibili, ma in quanto ce ne rendiamo conto, in quanto ne siamo consapevoli. Prendere consapevolezza di un problema, lo sappiamo, è la strada principale per risolverlo.

Si può essere preoccupati dall’avvicinarsi del momento di andare a letto, proprio per la difficoltà di addormentarsi e/o di sognare, che poi è la difficoltà di trovarsi da soli con i propri pensieri, di gestire stimoli ed emozioni interne in un momento in cui gli stimoli esterni sono ridotti, di fare i conti con se stessi. Per chi fa un lavoro continuo di allontanamento da sé delle proprie emozioni e della consapevolezza, il momento di andare a dormire è critico perché c’è il rischio di rincontrare i propri fantasmi.

Che si manifesti da qualche giorno, da settimane o da mesi, come fatica ad addormentarsi, come risvegli notturni o come sveglia anticipata, l’insonnia non va soppressa con metodi più o meno chimici, per lo meno non subito, ma capita. E’ una spia sul nostro mondo interno, sulle nostre preoccupazioni, magari piccole cose che semplicemente non abbiamo avuto il tempo o il coraggio di affrontare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I figli scoprono il tempo

next
Articolo Successivo

Sindone di Torino: tra storia e pseudoscienza

next