Rustichella, fatti più in là. Durante il Salone del Gusto e Terra Madre di Torino, in programma da giovedì 23 a domenica 27 ottobre 2014, nei cinque punti ristoro di Autogrill all’interno dei padiglioni del Lingotto arrivano i prodotti tipici del Piemonte. Potere di Slow Food e del suo fondatore Carlin Petrini. Il gigante della ristorazione ha infatti accettato l’invito di Petrini e adeguato i suoi menu al “gusto” della kermesse. Si potranno così ordinare anche ad esempio panini con il Bra tenero d’alpeggio, la robiola Alta Langa o la toma di Bra di una cooperativa di piccoli produttori locali. In realtà i grandi classici della multinazionale della ristorazione come il Camogli o Icaro, non saranno messi al bando ma affiancheranno i presidi Slow Food.

Nei cinque giorni della manifestazione, giunta alla decima edizione, Autogrill gestisce la mensa di Terra Madre, che attende un totale di 20mila persone. Nell’occasione verranno proposti anche menu pensati per vegetariani, vegani e celiaci, e piatti per venire incontro alle abitudini degli ospiti che arrivano da ogni angolo del mondo. Quindi si potranno scegliere anche preparazioni con riso basmati, cous cous, goulash, zuppa di pane cotto, insalata di farro e d’orzo, zuppa di legumi. Tutto rigorosamente preparato usando le materie prime dei produttori del Salone.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘EroFame’ ad Hannover, il Luna Park dell’erotismo con Rocco Siffredi

prev
Articolo Successivo

Salone del Gusto Torino 2014: gli astronauti mangeranno legumi Slow Food

next