Cinque anni per omicidio colposo. Questa la sentenza del giudice Thokozila Masipa, nei confronti di Oscar Pistorius, colpevole della morte della fidanzata, Reeva Sttenkamp, uccisa a colpi di pistola nel bagno della loro residenza il giorno di San Valentino del 2013. Una pena a cui va aggiunta quella di 3 anni per possesso di arma da fuoco che, però, è stata sospesa con la condizionale. L’accusa aveva richiesto 10 anni di carcere per l’atleta paralimpico ma il giudice, durante la lettura della sentenza, ha da subito specificato che la sua decisione non poteva tener conto delle rivelazioni e le accuse apparse sui media, ma solo sull’evidenza dei fatti a lei presentati. Una premessa che ha fatto subito pensare a una pena più morbida di quella che si prospettava al corridore sudafricano. Guarda la diretta dal tribunale di Pretoria

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezuela e Bolivia: così uguali, così diversi

prev
Articolo Successivo

Pistorius condannato, il giudice: “Sentenza equa e giusta. Addestrato a sparare”

next