Una volata sulle onde quella compiuta nelle ultime 24 ore da Maserati, impegnata nel tentativo di battere il record di traversata atlantica da ovest a est. Arrivato finalmente il vento previsto da sud ovest, insieme al mio team ho spinto al massimo il Vor 70 italiano, facendogli toccare punte di 30 nodi in planata.

Ci stiamo avvicinando a Terranova e il vento sta cambiando. Dato che l’acqua qui è più fredda, il vento si alza, così abbiamo tanto vento in testa d’albero e meno sulle vele. Ad ogni modo, le prossime 24 ore saranno cruciali. Entro domani dobbiamo raggiungere un waypoint importantissimo, a 48° N / 40° W, prima del passaggio del fronte freddo. È fondamentale per noi riuscire a navigare verso l’Inghilterra rimanendo davanti al fronte. A bordo siamo contenti e speranzosi, ce la stiamo mettendo tutta.

Alle h 14:00 italiane mancano 1940 miglia all’arrivo di Maserati a Lizard Point sulle 2880 complessive che separano New York dall’estremo lembo occidentale dell’Inghilterra. Il record della traversata atlantica da ovest a est appartiene al maxi yacht di 140 piedi MariCha IV (6 giorni, 17 ore, 52 minuti e 39 secondi).

Soldini-rotta

Durante la regata aggiornamenti continui con video e immagini provenienti da bordo e cartografia con posizioni di Maserati in tempo reale su www.maserati.soldini.it e sui social network: Facebook (Giovanni Soldini Pagina Ufficiale, più di 38.000 amici), Twitter @giovannisoldini (più di 128.000 follower)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontri a Bologna e Torino: anche stavolta si dirà della polizia…

next
Articolo Successivo

Elena Ceste, trovato cadavere vicino la casa della donna scomparsa nove mesi fa ad Asti

next