“La più grande riduzione di tasse della storia repubblicana fatta da un governo nel corso di un anno”. Così il premier Matteo Renzi ha definito la legge di Stabilità presentata questa sera intorno alle 22, dopo un Consiglio dei ministri rimandato più volte: previsto per le ore 15, è iniziato alle 19.45. Protagoniste assolute, non senza qualche intoppo iniziale, le ormai famose slide. Tantissime questa volta, per spiegare una manovra di 36 miliardi che lo stesso Renzi definisce storica

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grillo su sicurezza informatica M5s: “Via server”. E scoppia il caso Artini

prev
Articolo Successivo

Lega, dopo 21 anni perde Varese. La Provincia va al Pd con l’aiuto di Cl

next