Uno dei tanti video diffusi dai canali social dello Stato Islamico, miliziani fedeli all’autoproclamato califfato impegnati nell’addestramento da combattenti, ma un particolare attira l’attenzione: i jihadisti stanno usando materiali che sembrano quelli forniti all’esercito americano. Mentre una decina di soldati del califfo, Abu Bakr al-Baghdadi, strisciano sotto il filo spinato e un generale degli uomini in nero, col viso coperto, li mette sotto pressione sparando colpi di mitra a pochi centimetri dalle loro teste, sullo sfondo si vedono delle tende sulle quali compare la scritta “US”, forse “United States”. 

Non è sicuro se e come quelle attrezzature possano essere finite in mano ai miliziani che hanno occupato vasti territori in Siria e Iraq. I jihadisti potrebbero esserne entrati in possesso durante una delle conquiste dei territori presidiati dall’esercito iracheno, armato e sovvenzionato dagli Stati Uniti, oppure potrebbero aver rintracciato una delle forniture, saccheggiandola. Ciò che è certo è solo che nel video, intitolato “Il sangue della Jihad”, viene mostrato l’addestramento svolto dai combattenti fondamentalisti in uno dei campi situati nella provincia di Ninawa, nel nord dell’Iraq. Percorsi tra il filo spinato, accecati dalla polvere del deserto iracheno, calci sullo stomaco e bastonate per verificare la resistenza dei combattenti ai colpi del nemico e operazioni di recupero dei feriti sono solo alcune delle esercitazioni mostrate nel filmato.

Il video è stato pubblicato proprio nei giorni successivi ai bombardamenti della coalizione occidentale che hanno raso al suolo alcuni centri di addestramento jihadisti in Siria e Iraq, come quelli di Raqqa, Abu Kamal, Dier al Zour, Hasakah e Manjib. Proprio nelle ultime settimane, gli uomini del califfato hanno diffuso altre immagini e video di campi sparsi per tutto il territorio dello Stato Islamico, quasi a voler sottolineare, nonostante le perdite, che la lotta dei miliziani non si ferma e che di uomini addestrati ne stanno formando in continuazione. Lo ha ripetuto anche John Cantlie nel terzo episodio di “Lend me your ears”, la serie di filmati in cui il prigioniero britannico riporta la versione dei jihadisti riguardo agli avvenimenti e gli sviluppi della guerra: “Il califfato ha tra le sue fila uomini addestrati, abituati a combattere sul campo contro gli americani, fin dal 2003. Per questo non vedono l’ora di confrontarsi con loro” su terreno iracheno o siriano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Bolivia, per Morales 3° trionfo: “Dedico la vittoria a Fidel Castro e Chavez”

prev
Articolo Successivo

Partenone, per la restituzione dei fregi alla Grecia lavora anche la signora Clooney

next