Un gruppo scissionista dei Talebani pakistani ha minacciato Malala Yousafzai, fresca vincitrice del premio Nobel per la Pace, con “coltelli affilati e lucenti”. Il portavoce del gruppo dei Talebani pakistani Jamaat ul Ahrar afferma su Twitter che “personaggi come Malala dovrebbero sapere che non siamo scoraggiati dalla propaganda. Abbiamo preparato coltelli affilati e lucenti per i nemici dell’Islam”. “Malala parla così tanto contro i conflitti armati e le armi. Sa che il fondatore del suo recente Nobel era l’inventore degli esplosivi?“, ha proseguito il portavoce del gruppo.

La diciassettenne si è detta onorata di essere stata la prima pakistana ad ricevere il Nobel e ha aggiunto di essere felice di condividere questo riconoscimento con un cittadino indiano (l’attivista 60enne Kailash Satyarthi impegnato dagli ’90 nella lotta contro il lavoro minorile: attraverso la sua associazione è riuscito a liberare 80.000 bambini dalla schiavitù e a favorirne il reintegro nella società). “Ora – ha affermato Malala, diventata nota nel 2009 grazie a un blog in lingua urdu nel quale denunciava le atrocità commesse dai talebani nella terra di Swat –  voglio vedere tutti i bambini andare a scuola“. 

“Per la loro battaglia contro la repressione dei bambini e dei giovani e per il diritto di tutti i bambini all’educazione”: questa la motivazione con la quale è stato assegnato il doppio premio a Malala e Satyarthi. “Nonostante la sua giovane età – osserva il comitato del Nobel a proposito di Malala – la Yousafzay già da anni combatte per il diritto delle bambine all’educazione e ha dimostrato con l’esempio che i giovani possono contribuire a migliorare la situazione. E lo ha fatto nelle circostanze più pericolose: attraverso la sua battaglia eroica, è diventata una voce guida per i diritti dei bambini all’educazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Montenegro: Djukanovic dal mandato di arresto per contrabbando alla candidatura per l’Ue

next
Articolo Successivo

Isis, reporter giustiziato in piazza in Iraq. Ong: “Quattro donne messe a morte”

next