L’azionariato popolare fa bene al calcio, e anche ai suoi conti. Il Portsmouth Fc, storico club che attualmente milita nella quarta serie inglese, ha annunciato sul suo sito che tutti i debiti (che ammontavano a circa 10 milioni) sono stati ripagati, e le casse del club sono finalmente sane con due anni di anticipo sulla tabella di marcia. “Questo club era in una voragine finanziaria e ora siamo riusciti a dargli delle fondamenta solide – ha spiegato a margine dell’annuncio il direttore esecutivo Mark Catlin -, e ci siamo riusciti grazie all’aiuto di tutti, grazie al lavoro e all’impegno della comunità”.

Perché il Portsmouth Fc dall’aprile dello scorso anno è di tutti, è una comunità gestita e amministrata dai suoi stessi tifosi. Questi tramite una colletta hanno prima salvato la loro società dal fallimento, e dalle macerie in cui l’aveva lasciata il turbocapitalismo applicato al calcio, e poi hanno cominciato una gestione virtuosa del patrimonio che in solo un anno e mezzo gli ha permesso di liberarsi di tutti i debiti, pur essendo dovuti ripartire dalla quarta serie. La storia del Portsmouth Fc è paradigmatica. Il club nel 2008 riesce a vincere una storica FA Cup, ma a caro prezzo: l’ex proprietario Alexandre Gaydamak sottrae alla società tutti gli asset solidi e la riempie di debiti facendola entrare in oscuri giochi finanziari. Certo, all’allora tecnico Harry Redknapp sono assicurati campioni strapagati, ma il tutto è la cortina fumogena per loschi affari che lasciano il club sull’orlo del baratro.

Due anni dopo Gaydamak lascia il club pieno di debiti, e sono addirittura quattro i proprietari del Portsmouth nella stagione seguente: l’ultimo è un affarista di Hong Kong che lo abbandona in amministrazione controllata con centinaia di milioni di debiti. La farsa si completa con il ritorno di Gaydamak e la successiva cessione al lituano Vladimir Antonov, su cui pendono mandati di cattura internazionale per il fallimento di alcune banche. E’ il fallimento definitivo. Il club retrocede di ufficio nelle serie minori ed è gestito dal tribunale fallimentare in attesa che qualcuno si faccia avanti. La Lega calcio britannica, dopo aver permesso a oscuri personaggi di utilizzare il Portsmouth Fc per i loro giochi di finanza creativa, comincia a mettere paletti per il suo acquisto. Ad aprile 2013 i tifosi si organizzano come Pompey Trust nell’azionariato popolare, unica risposta al calcio gestito come speculazione finanziaria, e salvano la loro squadra riacquistandone il marchio e i titoli.

Gli stessi tifosi poi, riescono ad ottenere la proprietà dello stadio a un prezzo definito equo in sede giudiziaria, circa 4 milioni pagabili a rate contro i 15 che pretendeva l’ultima proprietà. I debiti dopo il riacquisto da parte del Pompey Trust ammontano a una decina di milioni, smaltibili secondo un piano quadriennale. Ma la risposta dei tifosi è eccellente – sono oltre 10mila gli abbonati la scorsa stagione, un record per la quarta serie – e in un solo anno e mezzo il Portsmouth Fc riesce a ripagare tutti i debiti. Oggi il Portsmouth Fc è una squadra sana e virtuosa sotto tutti i punti di vista. L’azionariato popolare come modello di calcio pulito, in campo e nei bilanci.

Twitter @ellepuntopi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Romario, il senatore socialista che suda in Parlamento come mai aveva fatto in campo

next
Articolo Successivo

Supercoppa italiana 2014 in Qatar: a Juve e Napoli “2,5 milioni e i diritti tv”

next