E’ svizzero l’operatore della Croce rossa è morto a Donetsk. Il vice ministro degli Esteri russo Aleksiei Meshkov, durante una cerimonia all’ambasciata italiana a Mosca, aveva annunciato che l’uomo era di nazionalità italiana. “E’ sicuramente del Canton Ticino”, ha confermato il presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, attualmente in Georgia, precisando che si tratta di uno svizzero e non di un italiano, come emerso inizialmente. “Siamo tutti sotto choc”, ha aggiunto. L’uomo è morto in seguito al bombardamento dell’edificio in cui si trovava.

Oggi nuovo bombardamento ha colpito il centro della città, roccaforte dei miliziani separatisti nell’Ucraina sud-orientale. Lo riportano le agenzie Interfax e Ria Novosti precisando che violente esplosioni sono state sentite nella zona di piazza Lenin e via Artiom. Secondo il Comune di Donetsk, anche un centro commerciale è stato colpito dai proiettili di artiglieria nel primo bombardamento sul centro della città dall’inizio della fragile tregua siglata il 5 settembre a Minsk tra il governo di Kiev e i miliziani separatisti. Il ministero dell’Interno dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk accusa le truppe di Kiev del bombardamento e sostiene che è stato colpito un palazzo di nove piani in via dell’università.

Questa mattina, inoltre, i miliziani separatisti hanno sferrato un nuovo attacco all’aeroporto di Donetsk. Lo sostengono le forze armate ucraine precisando di controllare ancora lo scalo. Il premier dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, Aleksandr Zakharcenko, ha invece affermato ieri che i suoi uomini controllano il 90 per cento del territorio aeroportuale e puntano a conquistare tutto lo scalo “entro la fine della settimana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ebola, negli Usa si temono nuovi contagi. “80 persone a contatto con malato”

prev
Articolo Successivo

Isis, Turchia: “Sì a truppe in Siria e Iraq”. Damasco: “Sarebbe una vera aggressione”

next