“Solo chiacchiere e distintivo?” è il titolo della prima puntata della nuova stagione di Servizio Pubblico, il programma di Michele Santoro in onda ogni giovedì alle 21.10 su La7 e in diretta streaming su ilfattoquotidiano.it

Stipendi bassi, straordinari non pagati, pochi mezzi per controllare il territorio, caserme sguarnite, le forze dell’ordine che dovrebbero garantire la sicurezza agli italiani hanno sempre meno mezzi e paghe basse e chiedono al Governo di fare di più. E il Governo Renzi sull’ordine pubblico, cosa sta facendo? Abbastanza? O poco?

Con Santoro Marco Travaglio, Vauro e Gianni Dragoni. Tra gli ospiti della prima puntata, Sabina Guzzanti, lo scrittore Gianrico Carofiglio, Viviana Beccalossi di Fratelli d’Italia ed Alessandro Sallusti.

Nei reportage, di Sandro Ruotolo, Luca Bertazzoni e Dina Lauricella, un viaggio da Nord a Sud, nella sicurezza degli italiani. Dai furti nelle case che hanno scosso la tranquilla Brianza – dove un marito ed un padre può morire, a casa sua, per sventare un furto d’auto – a Napoli, una città che ancora piange la morte del 17enne Davide Bifolco, e dove niente sembra essere cambiato al quartiere Traiano, con i ragazzi di 13 anni che continuano a girare senza casco, patente e assicurazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli piange ancora Davide Bifolco, ma i ragazzi continuano a girare senza casco

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, una donna a Napoli: “Lo Stato ci ammazza, la camorra ci protegge”

next