Lo Stato produrrà la cannabis terapeutica. E’ stato firmato l’accordo per un progetto pilota tra i ministri della Salute Beatrice Lorenzin e della Difesa Roberta Pinotti. Entro il 31 ottobre verrà costituito un gruppo di lavoro che definirà un protocollo operativo per la programmazione delle operazioni da compiere: la quantificazione dei fabbisogni in relazione alle patologie da trattare, la fitosorveglianza da esercitare, le verifiche da effettuare e le tariffe da applicare ai prodotti. Oggi una fiala di farmaco cannabinoide arriva a costare anche 900 euro. La firma dell’accordo è partita da una proposta dei deputati della commissione difesa del Movimento 5 stelle il 19 marzo 2014, i quali avevano presentato un’interrogazione rivolta proprio ai ministri della Salute e della Giustizia. Poche settimane fa la notizia del via libera.

Il ministro della Salute ha spiegato: “Dopo l’approvazione da parte del Consiglio superiore di sanità della ricerca del gruppo di lavoro, nel 2015 arriveranno i primi farmaci. Il fabbisogno di materia prima è di circa 80-100 chilogrammi l’anno. Il protocollo non prevede che le aziende farmaceutiche possano produrre il principio attivo della cannabis terapeutica”. Lorenzin aggiunge che i farmaci con la sostanza attiva: “costeranno meno della metà di quanto ora si spende per importare il principio attivo, circa 15 euro al grammo. La produzione abbatterà ancora di più i costi e ci garantisce la sicurezza necessaria. Non è assolutamente il primo passo per permettere l’autocoltivazione da parte dei malati”.

Sarà lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze ad occuparsi della coltivazione e della fabbricazione della sostanza attiva a base di marijuana. Responsabilità dello stabilimento anche il confezionamento della stessa in imballi da distribuire su richiesta delle Regioni e Province Autonome alle farmacie territoriali e ospedaliere. Queste ultime allestiranno le preparazioni magistrali da dispensare dietro presentazione di ricetta medica. Se a prescrivere saranno anche i medici di famiglia “lo decideranno i tecnici che elaboreranno il progetto e poi il Consiglio superiore di sanità che lo valuterà”.

“Sono favorevole al fatto che chi ha competenze faccia la prescrizione” ha aggiunto il ministro della Sanità che ha ribadito: “Il progetto pilota è la risposta ai pazienti con patologie gravi come Sla, sindrome di Tourette e sclerosi multipla. Persone che necessitano dei farmaci con il principio attivo della cannabis. Non bisogna confondere l’accordo con l’uso delle droghe, che è un altra cosa. Tante sostanze stupefacenti sono usate nella farmacopea. Drogarsi fa male, sfatiamo qualsiasi mito”.

Lo Stabilimento fiorentino, nato nel 1853 dà lavoro a 80 persone e nuove persone verranno assunte per rispondere “alle nuove esigenze” ha detto il maggiore generale chimico farmaceutico Giocondo Santoni. La sede è stata scelto perché unisce “le capacità con la sicurezza della sorveglianza militare” ha detto Pinotti. “Le capacità che le forze armate hanno sviluppato nel tempo devono essere sfruttate per metterle a disposizione”. Il ministro della Difesa ha precisato poi che c’è tutto lo spazio necessario per il fabbisogno nazionale e “anche per l’esportazione”. 

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferie solidali, così lo Stato si deresponsabilizza. E non si occupa dei disabili

next
Articolo Successivo

Maryam Al-Khawaja libera: la notizia è buona solo in parte

next