Parla ormai da candidato alle prossime amministrative. È lontano quell’ottobre 2005 quando Aldo Pecora teneva lo striscione con la scritta “E adesso ammazzateci tutti” che ha attraversato le strade di Locri all’indomani dell’omicidio di ‘Ndrangheta di Francesco Fortugno. A 9 anni dalla nascita del movimento antimafia, il suo leader ha annunciato l’ingresso in politica: è pronto a candidarsi, con una lista autonoma, sia alla Regione Calabria che al Comune di Reggio, sciolto nel 2012 per infiltrazioni mafiose. Lo fa dopo aver abbracciato tutti, o quasi, i partiti dell’arco costituzionale, Aldo Pecora: dalla Margherita al Ncd di Alfano e Scopelliti (quando era nel Pdl), passando per Alleanza Nazionale, le manifestazioni pro-Berlusconi, quello per De Magistris e quelle in piazza con Grillo (M5s). Con chi si alleerà Pecora? Con il centrodestra alla ricerca di una verginità dopo lo scandalo Scopelliti o con il centrosinistra dilaniato da gruppi di potere in conflitto per le primarie di Lucio Musolino, montaggio Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jobs act, Brunetta: “Forza Italia pronta a votarlo, i problemi sono tutti nel Pd”

prev
Articolo Successivo

Montalbano, Crocetta promette una legge regionale ad hoc per finanziare la fiction

next