Scontro sulla puntata di Presadiretta, su Rai3, sulla liberalizzazione delle droghe leggere. Domenica 14 settembre il programma di Riccardo Iacona ha affrontato il tema della cannabis e Carlo Giovanardi (che insieme a Fini ha firmato la legge omonima giudicata illegittima dalla Corte Costituzionale) si è presto schierato contro la trasmissione e il suo curatore. Il contenuto della puntata della terza rete tratta, secondo l’ex deputato di Forza Italia, “vergognose faziosità”.

E aggiunge: “E’ intollerabile che la Tv di Stato si presti a queste operazioni sulla pelle delle vittime dirette e indirette delle tossicodipendenze su cui si sta operando una sfacciata operazione promozionale delle multinazionali che intendono moltiplicare i loro profitti sulla commercializzazione della cannabis, scaricando i costi socio sanitari sulla collettività”. Giovanardi ha detto di aver “fatto verbalizzare al funzionari di turno” la protesta da indirizzare al curatore di Presadiretta. 

Riccardo Iacona in un comunicato diffuso due giorni dopo la messa in onda della trasmissione, ha risposto alle provocazioni di Giovanardi: “Non si capisce con chi ce l’abbia il senatore”, chiede il giornalista, e, citando i contenuti della puntata, elenca i Paesi che hanno messo in atto la legalizzazione della marijuana e i documenti che sono al vaglio delle Istituzioni per la depenalizzazione del consumo personale

Aggiunge Iacona: “Noi a Presadiretta abbiamo fatto semplicemente il nostro lavoro, rendendo conto di quello che sta succedendo intorno a noi. Abbiamo raccontato come il nostro Paese abbia il triste primato europeo del poliabuso“. Infine, il giornalista ha citato “le centinaia di donne e di uomini che sono finiti in carcere in applicazione della Legge Fini – Giovanardi“. “Questo è materia di dibattito” – ha concluso Iacona- “A noi giornalisti il compito di raccontare la verità, altro che “faziosità”, “disinformazione” e “menzogne”” ha chiosato Iacona citando le parole di Giovanardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Abitare’ torna in edicola, passata è la tempesta?

prev
Articolo Successivo

Ballarò e DiMartedì: vince la sfida Giannini, ma di novità nemmeno l’ombra

next