Un koala ferito è stato salvato dai ranger e vigili del fuoco che gli hanno praticato la respirazione bocca a bocca e un massaggio cardiaco. E’ accaduto in Australia, nei pressi di MelbourneL’animale, investito da un’auto, giaceva sulla strada e all’arrivo dei soccorritori, allertati da un automobilista, è fuggito arrampicandosi su un albero. Mentre i pompieri cercavano di raggiungerlo con un’autogru, è caduto da un’altezza di 10 metri, ma i soccorritori erano pronti con un telone e sono riusciti ad afferrarlo. Uno dei ranger gli ha allora praticato la respirazione bocca a bocca e un massaggio cardiaco, riuscendo a rianimarlo.

“Pensavamo che fosse morto sull’albero, poi è caduto e l’abbiamo recuperato”, ha raccontato alla radio Abc il capitano dei vigili del fuoco Sean Curtin. “Per fortuna uno dei soccorritori aveva esperienza precedente nel rianimare animali, in passato aveva già praticato la respirazione bocca a bocca ad un cane”, ha aggiunto. Il koala miracolato è già in via di guarigione in un rifugio per animali selvatici. “Sta meglio, e ha già mangiato delle foglie di eucalipto”, ha detto uno dei volontari del rifugio. Da una popolazione stimata di 10 milioni all’arrivo dei coloni britannici, i koala si sono ridotti a circa 43 mila e sono minacciati dalla continua perdita di habitat, dalla circolazione di auto e dagli attacchi dei cani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ebola: ad aiutare il Terzo mondo restano solo le ong. L’Occidente chiude gli occhi

prev
Articolo Successivo

Hamas, finite le sette vite di Deif: Signore dei Razzi e nemico numero 1 di Israele

next