Fonte: Facebook

Qualcuno forse avrà pensato che Roberto Calderoli, assurto al ruolo di relatore della legge di riforma costituzionale, potesse risparmiarci le sue nefandezze verbali tipo quella, ormai purtroppo nota, della civiltà gay “che ha trasformato la Padania in un ricettacolo di culattoni“. Al contrario, il vicepresidente del Senato si è lanciato in una nuova esternazione delle sue.

Comincia con il postare sul suo profilo Facebook una foto di un serpente che egli stesso ha appena catturato e ucciso nella sua casa. Un po’ Indiana Jones un po’ Mr. Crocodile Dundee si fa fotografare con il rettile conficcato in un bastone appuntito. E fin qui non ci sarebbe niente di strano. Poi arriva il commento: “Non sono mai stato superstizioso ma dopo la ‘macumba’ che mi ha fatto il papà della Kyenge mi è capitato di tutto e di più…”. Secondo l’esponente leghista, il padre di Cecile Kyenge gli avrebbe fatto una maledizione in Congo per proteggere la figlia dai suoi attacchi, dopo averla paragonata a “un orango”, parole per le quali Calderoli è finito anche sotto processo.

A suo tempo, in una petizione su Change.org sottoscritta da oltre 180mila persone chiedemmo le dimissioni di Calderoli da vicepresidente del Senato proprio per le sue offese all’ex ministra dell’Integrazione, insulti che ritenevamo essere la spia di una subcultura razzista per troppo tempo accettata o derubricata a “eccessi verbali”.
Calderoli, come sappiamo, purtroppo è ancora lì e nonostante fosse padre di una legge elettorale da lui stesso definita “porcata” si è pensato bene di promuoverlo a relatore di una legge di riforma del Senato che, peraltro, secondo autorevoli costituzionalisti, rischia di ledere la sovranità popolare e di avvelenare la democrazia.
Dal “Porcellum” al “Serpentellum”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Ncd, la dolce vita del ‘povero’ Cangemi

next
Articolo Successivo

“Accademia Forza Italia”: il corso di formazione politica di Berlusconi

next