Caccia e droni americani hanno condotto 14 nuovi raid aerei contro i jihadisti dello Stato islamico (Isis) vicino alla diga di Mosul. I raid si aggiungono agli altri 9 messi a segno nella giornata di sabato (cui si riferisce il video diffuso dal comando centrale americano) con lo scopo di aiutare i curdi a riprendere la diga. Gli attacchi americani hanno danneggiato o distrutto dieci vettori blindati, sette Humvees, due veicoli armati e un checkpoint dell’Isis. Il Pentagono ha ribadito che “i raid mirano a sostenere gli sforzi per gli aiuti umanitari e a proteggere il personale americano a Irbil”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ebola, assalto in un centro di cura in Liberia. In fuga una trentina di ammalati

prev
Articolo Successivo

Iraq, i curdi: “Riconquistata la diga di Mosul”. Oltre venti raid Usa in due giorni

next