Matteo Arpe al lavoro sul dossier l’Unità. Anche se la società per il momento non intende rilasciare alcun commento in merito, l’esternazione di Luigi Bisignani sul cavaliere bianco che sta mettendo a punto una proposta per rilevare l’ormai ex quotidiano del Pd, porta dritto alla News 3.0 del banchiere “anti-sistema”, noto alle cronache per il suo storico scontro con Cesare Geronzi.

Del resto non è la prima volta si parla di un’impresa simile da parte dell’editrice di 12 testate, tutte esclusivamente online, a partire dal quotidiano generalista Lettera43 di Paolo Madron, che è pure azionista della società oltre che coautore, con Bisignani, del recente L’uomo che sussurra ai potenti. In passato il nome di News 3.0 era infatti stato accostato a quelli di importanti testate cartacee in vendita come alcuni periodici Rcs o il quotidiano romano Il Tempo. Ma anche a quello della stessa Unità.

Nei fatti, però, l’editrice ha proseguito la sua strada nel mondo del web. Una strada che Arpe sta percorrendo anche attraverso Banzai, uno dei maggiori internet player italiani in cui il banchiere ha investito all’inizio del 2013, al quale fanno capo diversi siti d’informazione tra cui Il Post, Liquida e Giornalettismo e che figura tra i partner di Mediamond, Manzoni ed Rcs nel progetto Gold 5, la concessionaria di pubblicità online nata sotto il segno delle larghe intese tra il gruppo De Benedetti e la Mondadori della famiglia Berlusconi.

Ma il vecchio amore per la carta non sembra del tutto tramontato, anche se per il momento, appunto, da News 3.0 arriva solo un asciutto “no comment” in risposta alle indiscrezioni sull’interesse per l’Unità. Rilanciate venerdì sera da Luigi Bisignani che dal palco di Capalbio Libri aveva detto: “Un’importante banca milanese e un quotidiano online milanese si stanno preparando in queste ore a rilevare il quotidiano l’Unità”, sostenendo che il quotidiano fondato da Antonio Gramsci travolto dai debiti “sta trovando un cavaliere bianco che probabilmente a settembre la riporterà in edicola”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunicazione politica: consulenza di immagine gratuita (e non richiesta) a Laura Boldrini

next
Articolo Successivo

Beppe Grillo, perché abbiamo creduto in lui?

next