Le retromarcia del governo sulla rottamazione dei professori universitari è un piccolo ma simpatico esempio del Renzi-style e del suo riformismo preterintenzionale. Come al solito, si è cominciato con gli annunci, ma Lui le chiama linee-guida, che non devono per forza avere un senso, basta che lancino messaggi, producendo reazioni interiettive del tipo “Toh”, “Ma va’?”, “Però!”. Nel caso, il messaggio era: ma mandiamoli tutti a casa, questi baroni ultrasessantacinquenni, tutti rincoglioniti dal primo all’ultimo, che insegnano fino a settant’anni e aprono bocca solo per criticare. Mandiamoli via così, a prescindere, tanto per far vedere quanto siamo gggiovani, con tre g. Non per sostituirli con dei veri giovani, figuriamoci: costerebbe troppo, e poi è così smart che cerchino lavoro all’estero…

L’unico problema, come sempre, è che persino le riforme renziane devono avere uno straccio di copertura finanziaria: e questa proprio non l’aveva. Appena i tecnici hanno alzato il soppracciglio, però, li si è trattatti da gufi pure loro: ma intanto si è alzata provvisoriamente l’età del pensionamento a sessantotto anni, non si sa mai. Fra parentesi, è così che si fanno anche le riforme della Costituzione e della legge elettorale: si buttano lì delle proposte e poi le si cambia in corso d’opera, tanto chi legge i giornali del giorno prima? Infine, si è scoperto che pagare i professori per non lavorare costa più che pagarli per lavorare sino a settant’anni: ma pensa te. Così, si è spedito in Parlamento a confessare che non se ne faceva niente l’ennesima signorina-parafulmine, la vezzosa ministra Madia, protetta solo dalla sua autorità di mancata nuora del Presidente della Repubblica.

Ora, qualcuno sicuramente controbatterà che, per età e physique du rôle, il sottoscritto è poco meno barone e rincoglionito dei rottamandi: sicché, prima che lo faccia un altro, me lo controbatto da me. Poi, se vuole, controbatterà lui, e avanti così, controbattendocelo. O grullo, mi verrebbe da toscaneggiare, ma se dicessi le stesse cose e facessi il ciabattino, faccio per dire, che cosa mai potresti controbatterermi? Ma bando alle controbattute. Da decenni l’università italiana è squassata dalle smanie riformatrici degli apprendisti stregoni di turno: sicché, solo a sentire la parola riforma, la nostra mano corre spontaneamente alla Smith & Wesson. Ma posso fare una proposta anch’io? Sostituiteci con i ragazzi che oggi devono andare all’estero – uno per ogni pensionato, non uno ogni cinque, come ora – e all’estero ci andiamo noi, di corsa e senza salutare. 

 

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università: che passione le classifiche estive!

next
Articolo Successivo

Scuola, assalto alle graduatorie: guerra tra poveri del Nord e Sud

next