Un gruppo di deputati del Movimento 5 Stelle, guidati dall’onorevole Arianna Spessotto, ha chiesto le dimissioni di Marco Pittaluga, il dirigente del ministero dei Trasporti che ha censurato, prima di pubblicarla sul sito del ministero, la relazione della Commissione d’inchiesta sul deragliamento del treno merci a Bressanone del 6 giugno 2012, che metteva in luce gravi responsabilità da parte delle aziende responsabili della manutenzione degli assi e in cui gli autori accusavano lo stesso Pittaluga di aver ostacolato le indagini.

L’interrogazione è stata presentata al Ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi. “Due sono le cose: o Pittalunga ha agito al di fuori delle proprie competenze, e di questo dovrebbe rispondere, oppure ha operato dietro indicazione del ministro, che in tal caso dovrebbe uscire allo scoperto” hanno dichiarato i deputati in Commissione trasporti. Immediata la risposta del ministero, che prende le difese di Pittaluga: ha fatto il suo dovere, la relazione tecnica non poteva entrare nel merito delle responsabilità, né elaborare modelli di analisi o pubblicare testimonianze sull’incidente prima della fine del procedimento giudiziario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforme, Berlusconi: “Spero di recuperare presto agibilità politica ed elettorale”

prev
Articolo Successivo

Riforma del Senato: il ‘nuovo che avanza’, tra Putin e P2

next