Pippo mi dice: “Ma perché ci fanno questo?!” Lo guardo smarrito per un attimo e gli rispondo perché tifano per la paura. Lampedusa ancora una volta e suo malgrado, si ritrova ad essere l’isola che non c’è, quella dell’emergenza costruita in questi anni da media e imprenditori dell’emergenza. Erano mesi che in rete giravano messaggi allarmistici quanto infondati che sull’isola si fossero registrati casi di ebola e di vaiolo. Allarmi scriteriati che però hanno fatto male a quest’isola anche dal punto di vista economico. Ieri la polizia postale è arrivata all’autore dell’ultimo falso allarme lanciato su Facebook. E’ un torinese di 44 anni, con precedenti di xenofobia e proveniente da ambienti di estrema destra. La cosa che deve però fare davvero riflettere è che un messaggio privo di fondamento e non confermato da nessun sito d’informazione online è stato condiviso in rete da oltre 27 mila profili Fb. Sul messaggio c’era scritto: “Ebola a Lampedusa, 3 casi, condividi”.

A quest’uomo oltre che per procurato allarme dovrebbe essere chiesto il risarcimento per i danni economici provocati ad un’isola che vive di turismo e che si trova su una linea di frontiera. Un’isola dove in questo momento, lo scrivo ancora una volta, non c’è nessuna emergenza. Il mare è splendido come sempre, le strutture di accoglienza sono pronte e il tempo invita ad affrontare un viaggio più lungo ma almeno garantisce il sole e il cielo limpido.

La vera emergenza invece, è un’altra ed è sulle rotte del Mediterraneo. E’ quella dei profughi e richiedenti asilo che continuano a morire. Le ultime notizie di queste ore ci parlano di altre vittime, di una donna ed un bambino rimasti uccisi e di molti altri dispersi nel mare vicino alle coste libiche; ci dicono di  un centinaio di persone di cui 48 bambini  morti di sete nel deserto. Il fatto che l’emergenza sia dichiarata solo quando i profughi arrivano in Italia, ma non quando affogano in mare è un dato inquietante. Chiamatelo barbarie, cinismo, strumentalizzazione politica o come volete, ma è  un fatto che deve interrogare la coscienza dell’Europa e degli europei.

Le vittime di queste ultime tragedie in mare erano forse palestinesi in fuga, forse erano siriani o iracheni che fuggivano dalle guerra civile. Forse erano eritrei o somali, maliani o sudanesi che rifiutavano un futuro di miseria e oppressione. Di sicuro sappiamo che erano uomini molto giovani, donne e bambini.

Di fronte a queste tragedia c’è chi, per interesse politico, vanità mediatica o semplice delirio di protagonismo, lancia allarmi insensati. Oggi l’ebola e il vaiolo; e domani? Le meduse killer? La sabbia radioattiva? No, Lampedusa merita di più e di meglio. Suo malgrado è diventata il simbolo della destabilizzazione del Sud del Mediterraneo, ma anche delle difficoltà della sponda Nord a costruire adeguate politiche di accoglienza. Lampedusa merita di più e di meglio perché spesso è stata lasciata sola a fronteggiare situazioni estreme. Ed allora, aiutiamo quest’isola per quello che ci offre di meglio. E invece che giocare con la paura immaginiamo vere misure per gestire flussi migratori importanti ma non drammatici. Ci guadagnerebbe un’isola, ma anche la qualità della vita civile dell’Italia e dell’Europa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, caos alla stazione Centrale con treni fermi per un’ora: “Problema tecnico”

next
Articolo Successivo

Sylvie Lubamba arrestata, “ex showgirl di Chiambretti svuotava i conti degli amici”

next