L’avvocato Carlo Taormina è stato condannato per discriminazione, dopo le affermazioni contro gli omosessuali fatte lo scorso 16 ottobre durante la trasmissione radiofonica ‘La zanzara’. La sentenza è stata emessa dal giudice del lavoro di Bergamo Monica Bertoncini, che ha ordinato il pagamento di un risarcimento di 10mila euro a favore dell’associazione Avvocatura per i diritti Lgbt-Rete Lenford, che aveva presentato il ricorso. L’ex deputato di Forza Italia era stato intervistato durante la trasmissione in onda su Radio24, e aveva sostenuto di non volere gay nel proprio studio, definendoli “contro natura”. “Certe cose mi fanno ribrezzo. Ho una crisi di rigetto, mi viene il vomito” aveva detto ai conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo.  

Il giudice ha dichiarato “il carattere discriminatorio del comportamento tenuto da Carlo Taormina per aver affermato di non voler assumere nel proprio studio persone omosessuali”. Oltre al pagamento del risarcimento danni da 10mila euro e delle spese processuali, il giudice ha ordinato quindi all’avvocato “la pubblicazione, a sue spese, di un estratto del provvedimento in formato idoneo a garantirne adeguata pubblicità”. L’Avvocatura per i diritti Lgbt-Rete Lenford, assistita dai legali milanesi Grazia Sangalli e Alberto Guariso, nel ricorso aveva denunciato la “discriminazione diretta sulla base dell’orientamento sessuale”, perché Taormina “in qualità di avvocato e titolare di uno studio legale in Roma, afferma senza nessuna remora che eventuali candidati omosessuali vengono o verrebbero da lui respinti, in ragione del loro orientamento sessuale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rebibbia, esami della sessione estiva: passione per le materie giuridiche

prev
Articolo Successivo

Friuli Venezia Giulia, assessore indagato. Serracchiani non accetta le dimissioni

next