Nuova tragedia dell’immigrazione al largo della Libia. Almeno 20 persone sono morte e decine sono ancora disperse in seguito al naufragio di un barcone a 100 km a est di Tripoli. “Una pattuglia della marina ha messo in salvo 22 migranti immigrati clandestini che erano aggrappati ai resti del loro barca”, ha detto il colonnello Kassem Ayoub, portavoce della Marina libica, aggiungendo che oltre venti corpi sono stati recuperati. Secondo i sopravvissuti – ha riferito – erano “circa 150” i migranti, provenienti dall’Africa sub-sahariana, a bordo dell’imbarcazione diretta verso le coste italiane e affondata al largo di Al Khums. I soccorsi sono al lavoro alla ricerca di altri possibili sopravvissuti, ha aggiunto.

Proseguono intanto anche gli sbarchi in Italia. Durante la notte la fregata Espero della Marina militare ha soccorso un natante con 187 migranti a bordo. Di questi, 31 sono donne e 6 minori. E a Porto Empedocle (Agrigento) è atteso l’arrivo del mercantile liberiano Perge, con a bordo 112 migranti di origine subsahariana soccorsi nel canale di Sicilia. Il trasbordo e lo sbarco in banchina dei profughi sarà seguito da motovedette della Guardia costiera e da unità navali dei Carabinieri e della Polizia, mentre a coordinare le operazioni è la Capitaneria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

F35, nella fabbrica dei caccia: “Ecco l’ottavo aereo italiano”. Ma per Pinotti sono sei

prev
Articolo Successivo

No Tav al terzo valico contro gli espropri. Lacrimogeni e contusi tra i manifestanti

next