Giusto due anni fa chiese scusa per aver imbrogliato ed essersi dopato. Adesso il marciatore azzurro, escluso dalle Olimpiadi di Londra del 2012 per aver fatto uso di EPO, Alex Schwazer avrà la medaglia nella 20 km di marcia della gara disputata agli Europei di Barcellona. A 4 anni di distanza dalla gara e a due dello scandalo per l’atleta arriva un inaspettato alloro.

È stata la Iaaf a decidere di sospendere per doping il russo Stanislav Emelyanov che in quell’occasione battè Schwazer salendo sul gradino più alto del podio. A quanto riporta l’’Irish Time, che cita fonti Iaaf, la decisione sarebbe stata presa martedì, a Emelyanov, 23 anni, sono stati annullati tutti i risultati sportivi conseguiti dal 26 luglio 2010 e per i due anni seguenti.

L’altoatesino, sulle strade di Barcellona il 27 luglio 2010, conquistò la seconda preceduto dall’allora 19enne russo. Il “passaporto biologico” del giovane marciato riporta variazioni anomale. Quando la classifica di quella gara, per cui l’italiano conquistò la medaglia d’argento, verrà modificata Schwazer sarà considerato il vincitore, l’argento andrà al portoghese Joao Vieira e il bronzo all’irlandese Robert Heffernan.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Viagra per giocare in altura a La Paz: il trucchetto del San Lorenzo de Almagro

prev
Articolo Successivo

Alpinismo: 60 anni dalla spedizione italiana sul K2, quando l’Italia era in vetta

next