“Sproporzionata non è la nostra offensiva a Gaza, ma perdere una partita di calcio 7-1”. Ha risposto così Yigal Palmor, portavoce del ministero degli Affari esteri israeliano, alla motivazione con cui giovedì il Brasile ha ritirato il proprio ambasciatore da Gerusalemme.  “Il governo brasiliano – si leggeva in una nota – considera inaccettabile l’escalation di violenza. Condanniamo fermamente l’uso sproporzionato della forza da parte di Israele a Gaza”.

“La risposta di Israele è perfettamente proporzionata sulla base del diritto internazionale – ha detto Palmor intervistato dal Jornal Nacional di Tv Globo- questo non è il calcio. Nel calcio, quando una partita finisce in parità il risultato è proporzionato, e quando termina è 7-1 è sproporzionato. Spiace dirlo, ma non accade la stessa cosa nella vita reale e in base al diritto internazionale”. Il riferimento è alla storica sconfitta incassata dalla nazionale di calcio brasiliana nella semifinale mondiale contro la Germania. La notizia è riportata dal sito della tv brasiliana.

Giovedì il quotidiano The Jerusalem Post ha pubblicato dichiarazione in cui Palmor chiamava lo Stato sudamericano il “nano diplomatico” dopo la decisione di Brasilia di ritirare l’ambasciatore. “Se c’è qualche nano diplomatico, il Brasile non è tra loro”, ha risposto il Ministro degli Affari Esteri brasiliano, Luiz Alberto Figueiredo. In un’intervista a TV Globo, Palmor ha anche detto che sarebbe sproporzionato lasciare “centinaia di morti per le strade di Israele”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Iraq, Isis distrugge la moschea del profeta Giona. Ultimatum ai curdi: “Via da Mosul”

prev
Articolo Successivo

Gaza, selfie osé su Facebook per sostenere la guerra di Israele: “Io amo l’Idf”

next