È partita per il suo ultimo viaggio la Costa Concordia. Al suo seguito, a distanza di sicurezza stabilita dalla Guardia Costiera, gli esperti di Greenpeace e Legambiente seguono la fase di trasferimento del relitto, a tutela del mare e dell’ecosistema del Santuario dei Cetacei. L’operazione si chiama “Costa ti tengo d’occhio” e vuole essere una voce indipendente di monitoraggio delle operazioni.

Da oggi sarà possibile seguire gli spostamenti del convoglio e gli aggiornamenti via twitter a questo indirizzo con hashtag:
#sorvegliataspeciale
#Costatitengodocchio

L’imbarcazione “Maria Teresa” è arrivata al Giglio questa mattina alle sei e ha seguito le operazioni di traino del relitto fuori dal porto. Al momento segue il convoglio mantenendosi a breve distanza seguita da vicino dalla Guardia Costiera.

“Sembra che quest’incubo sia vicino alla fine. Oggi è un buon giorno per chi ha a cuore la tutela del mare e in particolare dei preziosi fondali dell’Arcipelago toscano, dai quali la Concordia si sta definitivamente allontanando” dichiarano dalla barca Alessandro Giannì, direttore delle campagne di Greenpeace e Stefano Ciafani, vicepresidente di Legambiente. “Saremo sereni però solo quando il viaggio sarà terminato senza impatti significativi per il Santuario dei Cetacei che stiamo attraversando”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Energia, in Italia parte rivoluzione verde. Ma dubbi su coperture economiche

prev
Articolo Successivo

Ilva, Arpa Puglia boccia dl del governo: “Va contro il lavoro degli ultimi anni”

next