“Con questo ritmo le riforme rischiano di non essere approvate nemmeno entro la fine del 2014”. Così il presidente dei senatori del Pd, Luigi Zanda, al termine della commissione Capigruppo: “Abbiamo chiesto alle opposizioni di ritirare o accorpare i loro emendamenti, ma hanno rifiutato e dunque abbiamo deciso a maggioranza che da lunedì prossimo, 28 luglio, si procederà ad oltranza nell’Aula del Senato per approvare il Ddl sulle riforme istituzionali”. L’Aula sarà convocata ogni giorno dalle 9 alle 24, fine settimana compresi: “Lavoreremo – ha garantito il senatore Pd – fino a che la riforma non sarà approvata”. Il capogruppo di Ncd, Maurizio Sacconi, ha aggiunto che l’obiettivo rimane il via libera del Senato entro l’estate. Di qui la decisione di procedere da lunedì 28 luglio con sedute dalle 9 di mattina a Mezzanotte. D’accordo anche Paolo Romani a nome di Forza Italia di Manolo Lanaro

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme: è la costituzione, Maria Elena

next
Articolo Successivo

Riforme, le opposizioni protestano: “Una farsa un minuto ad emendamento”

next