La Maria Elena, la Signorina Grandi Riforme lasciata da Renzi a presidiare il Parlamento durante la campagna africana, si stupisce delle difficoltà che incontrano le riforme costituzionali. Beata gioventù. Ma non gliel’hanno insegnato, a scuola, come funzionano queste cose? È la costituzione, bellezza. Le costituzioni, quelle vere – non il Papocchio1 presentato mesi fa sotto gli auspici dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, e neppure il papocchio2 oggi impantanato al Senato – quando attecchiscono, diventano cose vive, che non si lasciano rottamare come un CNEL qualunque. Sfruttano tutto, ma proprio tutto, anche l’ovvio interesse dei senatori a conservarsi la cadrega, per continuare a vivere.

Grazie alla Maria Elena, però, per avermi fatto capire, con la sua reazione di ieri, cosa davvero non mi va in questa riforma. Non è, come per i maestri e amici professoroni, la sorpresa nel veder trattate come quisquilie questioni su cui anche gli angeli esitano. Non è, come per i grillini e la sinistra Pd, il timore della svolta autoritaria: timore che però la stessa signorina autorizza quando si lascia scappare, come una scolaretta, che dopo si potrà anche parlare del presidenzialismo. Non è neppure quest’assurda fretta, come se l’Europa aspettasse solo la riforma del Senato per credere alle promesse di Renzi: e non fosse più convincente, faccio per dire, un arresto della crescita del debito pubblico, arrivato al 135,6 per cento del Pil.

Per dirla tutta, non è neanche la tentazione – comune nella mia generazione e a sinistra, ma anche, se posso dirlo, malinconicamente senile – a sventolare la difesa della Costituzione come il surrogato di una politica: quasi che lo sventolio bastasse a nascondere, dinanzi a milioni di italiani i quali una Costituzione è solo un’altra scocciatura in più, il vuoto pneumatico di idee e soluzioni anche solo all’altezza dei tempi. Per me, lo confesso, la vera ragione è un’altra. Ho passato trent’anni a insegnare la Costituzione di Einaudi, De Gasperi e Togliatti, e dovrei passare i prossimi anni a insegnare quella di Renzi&Berlusconi? Dai ragazzi, non scherziamo.

 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, embargo bellico: “Fermiamo la vendita di armi allo Stato di Israele”

next
Articolo Successivo

Salvini commissaria la Lega a Mantova: al posto di Pasetti l’indagato Davide Boni

next