Cosa c’è di buono nella Milano dell’Expo? Ce lo dice la nuova guida del Gambero Rosso, giunta alla ventiquattresima edizione: 256 pagine con 1.406 indirizzi per mangiare e bere, di cui 180 novità, dal centro città alle periferie, dai quartieri ai borghi nelle vicinanze. «La capitale della moda, della finanza e del glamour si è anche scoperta una delle capitali della ristorazione – si legge nella guida – vitale, dinamica, sempre pronta a intercettare le ultime tendenze e a proporre nuovi format, senza per questo dimenticare il legame con la propria tradizione». Ed ecco i premiati.

Mantengono le “Tre Forchette”: il ristorante Trussardi alla Scala di Milano con lo chef Luigi Taglienti, Ilario Vinciguerra da Gallarate nella villa liberty che ospita il suo ristorante Ilario Vinciguerra Restaurant, il ristorante Villa Crespi di Orta San Giulio, in provincia di Novara, con lo chef Antonino Cannavacciuolo, al primo posto assoluto per punteggio totale (94) e per la cucina (55).

C’è poi Da Vittorio della famiglia Cerea a Brusaporto (Bergamo), Dal Pescatore di Canneto sull’Oglio della famiglia Santini, in provincia di Mantova, e il Devero Ristorante del Devero Hotel a Cavenago di Brianza con lo chef Enrico Bartolini, premiato anche per il miglior servizio in sala d’albergo. Il miglior servizio in sala per la ristorazione va invece a Sadler.

I “Tre Gamberi” assegnati alle trattorie, vanno invece a Un posto a Milano con lo chef Nicola Cavallaro all’interno di Cascina Cuccagna e a un’altra storica trattoria milanese, l’Osteria del Treno in zona stazione centrale. Fuori città sono premiati il Caffè La Crepa a Isola Dovarese (Cr), La Madia a Brione (Bs), La Locanda delle Grazie a Curtatone (Mn), e l’Osteria della Villetta dal 1900 di Palazzolo sull’Oglio (Bs).

Le “Tre bottiglie” per la migliore cantina vanno Al Donizetti di Bergamo. Poi ci sono i classici della tradizione milanese. Il miglior risotto? Da Amici Miei, Don Lisander e La Piola. La cotoletta più buona? Osteria Brunello, Trattoria del Nuovo Macello e la Trattoria degli Orti. I migliori panettoni li trovate da Besuschio ad Abbiategrasso, I Galimberti a Casalpusterlengo (LO) e Pavé. Il ristorante Joia, con il nuovo premio Gusto & Salute assegnato allo chef Pietro Leeman, è invece il miglior ristorante vegetariano della città.

www.puntarellarossa.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Strade Golose 2014, a Gallipoli con Chef Rubio e Don Pasta

next
Articolo Successivo

Cellulari vietati a tavola, la battaglia no-tech dei ristoranti

next