Gastronomia italiana, ricette salentine, cucina mitteleuropea: una ricca sfilata di gusto e sapori è pronta per la quarta edizione di “Strade Golose”, l’evento che quest’anno si svolge dal 19 al 21 luglio nella splendida cornice di Gallipoli. Nelle strade della città salentina sono stati studiati percorsi che hanno lo scopo di promuovere le eccellenze territoriali e di riscoprire luoghi che sanno essere generosi in quanto ad arte, cultura, cucina e tradizioni.

La tre giorni pugliese prevede anche il gemellaggio con le aziende della Basilicata da parte dei GAL (Gruppi di Azione Locale) salentini, nell’area dedicata alle “Penisole d’Italia”. Qui sarà possibile conoscere le produzioni locali sia enogastronomiche che artistiche e artigianali. Chi è stato in Salento lo sa: guai a farsi mancare una serata di musica e ballo in piazza. Ingrediente che non manca a “Strade Golose”, con la presenza quest’anno di ospiti coinvolgenti: ci saranno il Food Sound System di Don Pasta, Chef Rubio e la cucina di strada, accanto alla mediterraneità dello chef Maurizio Marocco.

Piatto forte, che fa fede al nome della manifestazione, gli show cooking, che si alterneranno a seminari, incontri e tavole rotonde. Gli stand delle aziende faranno bella mostra di sé lungo corso Roma: si va dall’agroalimentare all’enologia, dall’ittica all’allevamento, senza trascurare l’artigianato locale. L’evento è patrocinato e sostenuto da Comune di Gallipoli, Regione Puglia, Camera di Commercio, Confcommercio e Confindustria, per la valenza in termini di promozione turistica e per il sostegno offerto alle piccole e medie imprese del settore.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Rambling for Migrants”, in bicicletta per ricordare i drammi dell’immigrazione

next
Articolo Successivo

Gambero Rosso Milano, la guida 2015 ai migliori ristoranti

next