Arresto convalidato, e obbligo di firma tre volte a settimana per il cantante 42enne Gianluca Grignani che torna libero dopo essere stato arrestato nelle scorse ore a Riccione dai carabinieri. Il cantante era in vacanza con la famiglia nella cittadina balneare riminese, quando il cugino ha chiamato gli uomini dell’Arma chiedendo il loro aiuto. Giunti sul posto, secondo l’accusa, Grignani avrebbe aggredito i militari, versione smentita dall’artista che ha parlato di un “attacco di panico“. Per lui, comparso questa mattina in Tribunale a Rimini per il rito direttissimo, l’accusa è resistenza e violenza a pubblico ufficiale. I due carabinieri intervenuti ieri per calmarlo hanno infatti ricevuto una prognosi di 5 e 7 giorni per le contusioni riportate durante l’intervento conclusosi con l’arresto del cantautore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Errani, la pm chiede 2 anni e sei mesi per il fratello. E’ accusato di truffa e falso

prev
Articolo Successivo

Teatro comunale Bologna, la crisi di una istituzione: “Basterebbero banche più serie”

next