Arresto convalidato, e obbligo di firma tre volte a settimana per il cantante 42enne Gianluca Grignani che torna libero dopo essere stato arrestato nelle scorse ore a Riccione dai carabinieri. Il cantante era in vacanza con la famiglia nella cittadina balneare riminese, quando il cugino ha chiamato gli uomini dell’Arma chiedendo il loro aiuto. Giunti sul posto, secondo l’accusa, Grignani avrebbe aggredito i militari, versione smentita dall’artista che ha parlato di un “attacco di panico“. Per lui, comparso questa mattina in Tribunale a Rimini per il rito direttissimo, l’accusa è resistenza e violenza a pubblico ufficiale. I due carabinieri intervenuti ieri per calmarlo hanno infatti ricevuto una prognosi di 5 e 7 giorni per le contusioni riportate durante l’intervento conclusosi con l’arresto del cantautore.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Errani, la pm chiede 2 anni e sei mesi per il fratello. E’ accusato di truffa e falso

next
Articolo Successivo

Teatro comunale Bologna, la crisi di una istituzione: “Basterebbero banche più serie”

next