“Questo attacco è sicuramente peggiore di quello del 2012. Non abbiamo mai visto un bombardamento così massiccio”. Jorge Hernandez, originario dell’Argentina, ma a Gaza dal cinque anni, è il parroco della Sacra Famiglia, l’unica chiesa cattolica di Gaza. La parrocchia si trova a Zeitoun, un quartiere residenziale di Gaza City, dove Hamas è molto forte. “Negli ultimi anni ci sono stati diversi stranieri che sono arrivati nella Striscia e con loro è arrivata anche tanta ideologia”. Hernandez si riferisce ai salafiti legati all’Isis. “Questo ha fatto male alla relazione tra musulmani e cattolici”. La parrocchia è stata più volte minacciata. “Ma – dice –  non ce ne andiamo, è un nostro diritto rimanere”  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele, l’ombra del soldato Shalit sull’invasione di Gaza

next
Articolo Successivo

Marocco, di nuovo in carcere il rapper delle proteste

next