Alla vigilia della finale dei Mondiali 2014, Alejandro Sabella è sicuro: “Rispetto ai quattro gol presi nel 2010 la situazione è cambiata, siamo molto più prudenti, ma per battere la Germania servirà comunque la partita perfetta”. “La nostra difesa è solida, occupiamo meglio gli spazi rispetto a quando giocavano a tre – afferma il ct dell’Albiceleste, che poi aggiunge -. Motivazioni? Quando giochi la finale di un Mondiale i calciatori le trovano da soli, io devo lavorare solo un po’ sullo spirito di appartenenza”.

Sabella, che stavolta porta con sé in conferenza Basanta per non far perdere un’altra multa alla Federazione, non nasconde anche la sua personale emozione: “E’ il più alto della mia carriera professionale e averlo raggiunto in Brasile mi inorgoglisce ancora di più. Il mio futuro? In questo momento è un tema irrilevante – sottolinea il tecnico, che probabilmente lascerà l’Argentina comunque vada a finire la finale -, dobbiamo pensare solo alla partita”. Infine una battuta sulla possibile formazione titolare, in particolare sulle condizioni di Di Maria: “Vediamo come evolve la situazione, deciderò solo all’ultimo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Finale mondiali Germania – Argentina, Merkel: “Scommetto sulla nostra vittoria”

next
Articolo Successivo

Brasile 2014: Brasile-Olanda 0-3, tabellino e pagelle

next