E’ morto per arresto cardiaco Salvatore Giordano, il 14enne di Marano colpito dai calcinacci caduti in via Toledo all’altezza della Galleria Umberto I lo scorso sabato. E’ quanto conferma la direzione sanitaria dell’Ospedale Loreto Mare dove Salvatore era ricoverato. Il ragazzo è deceduto in seguito allo schiacciamento del torace e al grave trauma cranico subito. Già da ieri le condizioni di Salvatore  erano disperate: il ragazzo si trovava in “coma profondo ariflessico”. Inutili gli sforzi dell’equipe di rianimatori che hanno quindi avviato le procedure per constatarne lo stato di morte cerebrale. “E’ stato fatto tutto il possibile”, spiegano dalla direzione sanitaria.

video di Andrea Postiglione

Nei giorni scorsi sono stati effettuati alcuni sopralluoghi sull’edificio che costituisce la galleria e su quelli adiacenti. La Procura di Napoli,  pm Stefania Di Dona e Lucio Giugliano, ha aperto un’inchiesta per far luce su responsabilità e competenze della manutenzione di facciate e cornicioni. Occorre capire, cioè, se la colpa sia dei privati che nell’edificio hanno uffici, oppure del Comune o della Sovrintendenza. Il problema è che non è ancora stato chiarito di chi sia la proprietà di quel pezzo di cornicione crollato. Per ricostruire l’incidente, i Carabinieri hanno chiesto alle testate giornalistiche di mettere a disposizione materiale fotografico e video del crollo, oltre a ogni immagine della facciata esterna della Galleria Umberto I, sul lato di via Toledo, anche prima dell’accaduto.

I legali dei genitori del 14enne, Angelo e Sergio Pisani, hanno nominato i periti per gli accertamenti di rito e hanno parlato “tragedia che poteva e doveva essere evitata”. Risponde su Twitter Gianni Lettieri, capo dell’opposizione in Consiglio comunale di Napoli: “Quella di Salvatore è una morte ingiustificabile che uccide la dignità di tutta Napoli. Ora è il momento del lutto. Poi punire i responsabili

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Questo il futuro del teatro Valle”. Ma Marino tiene nascosto il dossier

next
Articolo Successivo

Maltempo, piena fa riemergere due corpi a Milano. Identificato quello di una donna

next