Quello di relegare nei palinsesti estivi programmi in replica o cose francamente poco interessanti è un antico vizio della televisione. In radio, a quanto pare, le cose non funzionano così. È il caso di Radio2, che a partire da sabato 5 luglio trasmette Share, nuovo programma ideato e condotto da Gianluca Neri, il guru del web fondatore di Macchianera, e da Daniela Collu, autrice televisiva e tweetstar. L’intento del programma è decisamente ambizioso: risalire alla fonte delle notizie più diffuse e discusse in Rete, capire come e perché sono diventate virali, analizzarne veridicità ed efficacia.

È lo stesso Gianluca Neri che ce lo spiega, ammettendo subito l’intento pedagogico del progetto: “La nostra idea è quella che alla fine dei due mesi di trasmissione ascoltatori e conduttori abbiano imparato a fare almeno una cosa bene. Cercheremo di alfabetizzare, di far capire che il web non è ostico né brutto e che può essere usato per migliorare la vita di tutti i giorni”. E quando lo definiamo un maestro Manzi 2.0, Neri non cade nella tentazione di prendersi troppo sul serio: “Sarebbe un onore e non siamo a quei livelli, ma ci proviamo. Una parte importante della trasmissione sarà quella dedicata alla trattazione delle notizie. Ci sono 5 o 6 siti americani dove nascono le tendenze che giorni dopo arrivano sui nostri giornali: vogliamo capire come e perché sono nate, se sono state riportate correttamente, in base a quali meccanismi qualcuna di loro diventa virale e altre no”.

Un vero e proprio viaggio al centro del Web, un viaggio all’interno del quale ricopriranno un ruolo fondamentale i social network, ovviamente: “Una settimana prima – racconta Neri – anticiperemo domande e temi per scatenare il dibattito sui social e contattare le persone che hanno detto le cose più interessanti. Preferiamo interagire così con gli ascoltatori, piuttosto che farci chiamare in diretta e prendere a caso le prime telefonate che arrivano, e che spesso non sono così interessanti”.

Ma se pensate che un espertone nerd come Gianluca Neri si accontenti di Twitter e Facebook, allora non lo conoscete bene: “Utilizzeremo molto anche Reddit.com, visto che in Italia non lo fa nessuno. Ci sarà uno spazio di Share sul sito con un forum dedicato alla trasmissione e la possibilità di lasciare commenti anche anonimi, visto che rivolgeremo a chi ci ascolta anche domande molto scomode”. Gli ingredienti per un programma interessante e per nulla banale sul variegato mondo del Web ci sono tutti. E chi teme che sia uno spazio dedicato per iniziati ai grandi misteri della Rete, può stare tranquillo: il maestro Manzi 2.0 arriva per alfabetizzare tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il futuro di Internet tra diritto all’oblio e effetto Streisand

next
Articolo Successivo

Giovanni Floris: “Rai non sposa miei progetti”. Replica: “No problema editoriale”

next